L'igiene orale professionale

L'igiene orale professionale prevede una serie di manovre praticate dal professionista atte a rimuovere i depositi di placca e di tartaro. Nella placca e nel tartaro esistono milioni di batteri che causano carie e malattia parodontale. Rimuovendoli, si creano i presupposti per la guarigione. Questo trattamento è importante al fine di intercettare l'instaurarsi di lesioni cariose e parodontali e per il mantenimento di un buono stato di salute del cavo orale. Gli strumenti solitamente utilizzati durante la seduta di detartrasi sono: lo specchietto, utile per l'ispezione e l'indagine clinica della bocca e valido per la visione diretta e indiretta; la sonda parodontale, strumento di rilevamento indispensabile per l'igienista dentale, per l'analisi clinica dello stato di salute dei tessuti e per la misurazione di recessioni e di eventuali tasche; l'ablatore, grazie alla vibrazione della sua punta, unita all'abbondante acqua, che crea effetto cavitazionale, permette la rimozione dei depositi di placca e di tartaro; il filo interdentale che garantisce la detersione delle zone interprossimali; le coppette di gomma o gli spazzolini montati sul manipolo del riunito, associate a paste e a profilassi leggermente abrasive, servono a lisciare e lucidare la superficie dello smalto; le striscette abrasive per la rifinitura delle pigmentazioni interdentali; l'air-flow, strumento che con aria, acqua e polvere di glicina o bicarbonato smacchia i denti; lo specillo, indispensabile per l'indagine clinica delle superfici dentali nella ricerca di lesioni cariose. Il mantenimento della salute orale è correlato a un controllo di placca ottimale sia professionale sia domiciliare. Per questo motivo è importante sottoporsi a sedute di richiamo di igiene regolari che siano ogni quattro, sei mesi o annuali, in modo da evitare l'insorgenza di recidive, prevenire e individuare lesioni cariose, ridurre la perdita di elementi dentari, rallentare la progressione della malattia parodontale. E ricordatevi: una buona igiene orale fa davvero la differenza.